Allestimenti temporanei per vendere casa: Home staging in italia

Chi ha detto che un allestimento serve solo per una mostra o per un evento o per esporre della merce in un negozio?

Quando si decide di mettere in vendita un immobile, spesso accade che i tempi in cui questo resta sul mercato diventino eccessivamente dilatati e ciò comporta inevitabilmente la riduzione del prezzo, a volte anche in una percentuale notevole. Allora perchè non applicare una strategia che prevede uno sforzo minimo per raggiungere il risultato desiderato: vendere casa in poco tempo?

allestimento home staging

L’HOME STAGING

L’allestimento temporaneo di un immobile – noto anche come home staging –  permette, infatti, di valorizzare le possibilità degli spazi e aiuta il potenziale acquirente a comprendere i vantaggi che lo spazio offre senza bisogno di sforzi immaginativi eccessivi. Studi di settore hanno dimostrato che quando un acquirente visita un immobile sono sufficienti dieci secondi a creare in lui una buona o una cattiva impressione. L’obiettivo dell’allestimento è quello di valorizzare i punti di forza di un immobile e di preparare l’ambiente all’appuntamento con il suo potenziale nuovo proprietario.

Il progetto di allestimento consiste nella riorganizzazione funzionale degli ambienti, nella ridisposizione degli arredi, nell’eliminazione di oggetti superflui, al fine di donare uno stile più neutro, fresco e una sobria eleganza alla casa.

Essendo un allestimento non prevede lavori di rifacimento o ristrutturazioni altrimenti non potrebbe definirsi home staging.

Un piccolo investimento, grandi vantaggi:

DI TEMPO
permette di vendere una proprietà in tempi più brevi e a condizioni più vantaggiose;

ECONOMICI
costa meno della riduzione di prezzo che l’immobile potrà subire rimanendo a lungo sul mercato;

COMMERCIALI
contribuisce a incrementare il numero dei potenziali acquirenti.

 

Per saperne di più scrivi a c.nicora@myhousemystyle.com

 

 

Hai bisogno di un Attestato di Prestazione Energetica – APE?

Cos’è un APE?
Un Attestato di Prestazione Energetica è un documento che permette di conoscere le prestazioni energetiche della propria abitazione e la classe energetica di appartenenza.

APE

Quando è necessario?
L’Attestato deve essere SEMPRE allegato agli atti di compravendita e ai contratti di locazione. Inoltre è necessario per poter usufruire delle detrazioni fiscali concesse a chi effettua lavori di ristrutturazione per migliorare l’efficienza energetica.

Chi può rilasciarlo in Regione Lombardia?
L’Ape deve essere obbligatoriamente rilasciato da un certificatore energetico accreditato e iscritto all’elenco del CENED.

Hai qualche dubbio? scrivi a c.nicora@myhosuemystyle.com

 

Casa in Catalogna: magazzino agricolo o moderna abitazione

In Catalogna nei pressi del piccolo villaggio di Camallera – Spagna – è possibile scorgere Casa MMMMMS che appare da lontano come un tradizionale magazzino agricolo collocato a guardia della campagna circostante. In realtà si tratta di una nuova costruzione realizzata dallo studio di progettazione Anna & Eugeni Bach con l’intento di adeguarsi al contesto storico e ambientale rispettando la tipologia edilizia delle vecchie case contadine e utilizzando i materiali locali.

 

Il rifugio norvegese tra terra e cielo

Il rifugio Knappullet si trova in Norvegia, nei pressi della cittadina di Sandefjord, abbarbicato sulla alta costa frastagliata dello Skagerrak nel Mare del Nord. In origine c’erano due piccoli manufatti che emergevano nel paesaggio naturale disabitato e che si ponevano in contrasto con l’area protetta. L’architetto Lund Hagem ha reso omaggio all’ambiente incontaminato trasformando l’edificio esistente in un luogo di riposo mimetizzato nella roccia.

rifugio Knappullet in Norvegia

Si accede al rifugio attraverso un sentiero nascosto nel bosco. Una volta raggiunta la sommità della scogliera è possibile proseguire ancora nella scalata. Il progettista, ricordano la lezione dell’architetto Adalberto Libera e interpretando la soluzione adottata per la casa Malaparte a Capri, ha trasformato una parete della costruzione in scalinata per accedere al tetto piano da dove si gode una vista mozzafiato verso la baia.

casa Malaparte a Carpri e rifugio Knappullet in Norvegia

a sinistra Casa Malaparte © Flickr User: Sean Munson, a destra, Photo © Kim Muller e Ivar Kvaal

rifugio Knappullet in Norvegia

Il progetto si sviluppa idealmente su tra livelli: basamento, piano abitato, tetto. La costruzione è ancorata alla roccia con fondazioni in cemento. La casa è distribuita su di un unico piano in cui trovano posto in soli 30 mq il soggiorno con una piccola cucina a vista, il bagno e un letto sospeso. Il tetto è a tutti gli effetti un altro piano della casa da dove sbuca la canna fumaria della stufa e dove sono stati posizionati degli shed per illuminare dall’alto gli ambienti sottostanti.

rifugio Knappullet in Norvegia

I materiali utilizzati sono il calcestruzzo, il vetro e il legno. Gli interni si distinguono per la presenza di ampie vetrate sovrastate dall’imponente tetto in cemento. L’isolamento termico e acustico è garantito dall’inserimento di uno strato coibente mimetizzato da una serie di listelli in legno di quercia. I divisori verticali e le porzioni di facciata opache sono in legno di rovere, mentre i pavimenti sono in calcestruzzo bianco, materiale con cui è stata anche costituita una porzione di terreno esterno dove è stata ricavata una zona protetta, ideale proseguimento del soggiorno verso il fianco della montagna.

rifugio Knappullet in Norvegia

rifugio Knappullet in Norvegia

Scritto da Chiara Nicora
Fonte https://www.architetturaecosostenibile.it/architettura/progetti/in-europa/rifugio-norvegese-859/
Crediti Fotografie © Kim Muller e Ivar Kvaal

CHIARA NICORA architetto

Chiara Nicora architettoChiara Nicora è un architetto e un interior designer che si divide tra Milano e Varese. Si laurea nel 2008 in
Architettura presso la Prima Facoltà del Politecnico di Milano con una Tesi sulla riqualificazione sostenibile degli edifici esistenti, dal titolo: Il “bando verde”: un’opportunità per la riqualificazione sostenibile del costruito.

La convinzione che la ricerca continua, l’aggiornamento professionale e l’approfondimento di tematiche tecniche e culturali siano indispensabili strumenti per svolgere al meglio il proprio lavoro, l’ha spinta e la sprona ad affrontare le sfide che la professione oggi più che mai impone.

L’obiettivo è integrare qualità architettonica, sostenibilità energetico-ambientale e un positivo impatto sociale, con un’attenta valutazione e controllo degli aspetti economici.

Molteplici sono gli aspetti che caratterizzano il suo lavoro. Per saperne di più date un’occhiata a questi articoli:

Il mio lavoro: aiutare le persone a creare la casa dei propri sogni

Allestimenti temporanei per vendere casa: Home Staging in Italia

Inoltre, Chiara Nicora è un Certificatore Energetico Accreditato della Regione Lombardia;

Redattrice di articoli per il sito architettura ecosostenibile;

Volontaria per il patrimonio culturale Touring Club Italiano e guida presso il Castello Visconti di San Vito di Somma Lombardo (VA)

 

“Il futuro appartiene a coloro che credono alla bellezza dei propri sogni!”

 

  • Se la pagina ti è piaciuta ed è risultata di tuo gradimento ti chiederei un piccolo favore: puoi inserire un link a questa pagina sulla tua bacheca facebook….grazie!