Trilocale viale Tunisia

Quante storie può raccontarci una foto?
Una, due, tre, mille oppure nessuna.
Dipende tutto dall’occhio dell’osservatore che può decidere se passare oltre oppure fermarsi un attimo e analizzare con più attenzione cosa scorre davanti ai propri occhi.

Immagine della settimana

Progetto realizzato da Mariana Martini studio

@ Foto di Mariana Martini Studio

Ci troviamo nella zona giorno di un appartamento milanese.
I toni chiari delle pareti e del pavimento pervadono l’ambiente: carta da parati alternata a intonaco bianco per le partizioni verticali, parquette per il piano di calpestio e controsoffitto bianco.
Il protagonista della foto è il divano leggero e all’apparenza comodo. Un tavolino e un pouf completano la scena.
Sulla destra si trova un mobile disegnato su misura per risolvere uno spigolo sporgente. Le mensole dall’andatura curva sono il posto ideale per appoggiare complementi d’arredo e una piccola lampada. Forse chi si siederà alla sera dopo una lunga giornata di lavoro allungherà la mano per accendere questo piccolo abat-jour e si rilasserà leggendo un libro.
Sulla sinistra si apre una porta con gli stipiti di colore bianco che riprendono il colore dello zoccolino che percorre tutta la stanza. Chissà cosa ci sarà oltre? Un bagno, una cucina, una cameretta?
In secondo piano, uno spazio di passaggio è diventato un’area studio: una consolle con abbinata una sedia blu sul lato sinistro e un ampio specchio sulla parete opposta: forse uno stratagemma per far sembrare questo angolo un po’ più ampio. Idea sobria e geniale.
Sullo sfondo si apre una porta scorrevole vetrata doppia che lascia intravvedere la camera da letto.
Dove sarà la finestra? Forse alle spalle dell’osservatore. Di sicuro la porta a vetri della stanza da letto contribuisce a rischiare l’ambiente lasciandosi attraversare dai raggi del sole. Infatti un’apertura vetrata velata da tende bianche compare sul fondale della foto.

Perché mi ha colpito

Idee originali
Soluzioni salvaspazio
Coerenza compositiva
Vivibilità

Una nuova zona giorno

Il progetto consiste nel ripensamento di tutta la zona giorno e nella creazione di un secondo bagno.

La zona giorno è organizzata come un unico spazio. A destra dell’ingresso è stata collocata la cucina, il tavolo da pranzo fa da filtro tra l’area di preparazione dei cibi e la zona TV. La cucina diventa così il luogo perfetto per cucinare tenendo sott’occhio cosa combinano i bimbi in soggiorno. Alle spalle del divano è stata posizionata una libreria passante ideale per schermare le due zone funzionali del soggiorno senza dividerle fisicamente con una parete: da una parte l’angolo dedicato alla postazione pc e dall’altro la zona conversazione/TV.

Il secondo bagno è stato ricavato in una porzione dell’attuale cucina: è dotato di lavabo, wc, bidet e doccia. La porta si apre su di uno spazio ibrido caratterizzato da un abbassamento del soffitto e che funge da anti bagno. Un’apertura sul soffitto garantisce la luce zenitale in questo piccolo locale. Il bagno principale è stato leggermente ristretto e la posizione del lavabo è stata cambiata per ottimizzare gli spazi.

Lo sgabuzzino esistente è stato preservato in quando indispensabile per nascondere l’aspirapolvere e lo spazzolone per i pavimenti. Inoltre è stato creato nella zona del disimpegno che conduce alla zona notte uno sgabuzzino in quota ideale per riporre le valige o l’albero di Natale.

Il progetto - una nuova zona giorno

 

Due bilocali giovani e briosi

DESIDERATA

Frazionare il quadrilocale esistente in due appartamenti.

IL PROGETTO

Il progetto prevede la creazione di due ampi bilocali.

L’appartamento A è composto da una zona giorno suddivisa in due parti: l’area dedicata al pranzo e quella dedicata alla conversazione/TV. La parete attrezzata a cucina è nascosta da due brevi pareti e si può prevedere di isolarla completamente alla vista con una parete mobile. Il bagno è preceduto da un disimpegno dove è stata istallata la lavatrice. La camera da letto matrimoniale è provvista di cabina armadio.

L’appartamento B è leggermente più piccolo dell’altro, ma la struttura della zona giorno è simile. Anche in questa soluzione la parete attrezzata a cucina è nascosta alla vista da una breve parete. Un disimpegno permette l’accesso sia al bagno, sia alla camera da letto matrimoniale. In questo spazio oltre a trovare posto un armadio, si suggerisce la creazione di un controsoffitto e la realizzazione di un ripostiglio in quota.

ll Progetto - Due bilocali giovani e briosi

 

 

Un soggiorno multitask

Richieste della Committenza

Il desiderio e la necessità contigente è quella di avere un soggiorno multitask. Il figlio del proprietario ogni tanto si ferma a dormire dal padre e il bilocale non ha un ambiente adatto ad ospitarlo per la notte. Attualmente nel locale utilizzato come zona giorno c’è un piccolo divano letto e una serie di mobili dallo stile molto differente. continua a leggere

Da vecchio a nuovo in poche mosse

Il vecchio appartamento era rimasto sospeso nel tempo. Da quando l’edificio era stato edificato negli anni ’70 del secolo scorso non aveva più subito alcun miglioramento. I rivestimenti dei bagni e della cucina rispecchiavano ancora la moda dell’epoca: fiori e geometrie dai colori oggi impensabili.

Il progetto di ristrutturazione ha interessato il ripensamento di tutti gli spazi del vecchio appartamento per adattarsi alle esigenze dei nuovi proprietari: una coppia con due figli.

 

La casa era costituita da tre diverse zone. L’ingresso molto ampio, ma buio, permetteva l’accesso al soggiorno, alla zona della cucina e alla zona notte. Ogni passaggio era delimitato da un disimpegno o da un corridoio. Questa disposizione planimetrica dedicava troppi spazi ai percorsi e ai passaggi da un ambiente all’altro.

Le esigenze

La committenza desiderava avere stanze più ariose e senza l’effetto scatola causato dai diversi disimpegni. Il soggiorno, anche se ampio, non rispecchiava le esigenze di poter accogliere diverse situazioni: la zona relax, la zona pranzo e la zona studio. Il ripostiglio era in realtà un semplice sgabuzzino per le scope e si desiderava avere qualcosa di più utile.

La ristrutturazione

Il progetto, in accordo con la committenza, ha previsto il ripensamento dei percorsi a favore della creazione di spazi vivibili e versatili. I muri che delimitavano il disimpegno di ingresso sono stati eliminati per dare più respiro al soggiorno caratterizzato dalle ampie vetrate. Un ribassamento del soffitto è stato inserito per delimitare visivamente l’ingresso e l‘angolo studio ricavato in una nicchia.

Il ripostiglio è stato trasformato in cabina armadio. Il corridoio di accesso alle camere è stato trasformato in un piccola anticamera. I bagni e la cucina sono stati completamenti rinnovati e i rivestimenti di tutta la casa sono stati rifatti.

 

Pochi e mirati accorgimenti per trasformare il soggiorno

Sono bastati pochi e mirati accorgimenti per trasformare un soggiorno molto grande e poco sfruttato in un ambiente articolato e moderno.

abitazione a Varese: il soggiorno

L’appartamento, realizzato negli anni ’70, aveva un arredamento dalle linee ormai obsolete e necessitava un ripensamento in particolare nella ampia zona giorno e negli spazi di transizione. Gli interventi sono stati pochi e mirati. Dall’ingresso si accede a un vestibolo che conduce al soggiorno. Si è deciso di diminuire questo spazio e realizzare un’apertura a portale con l’ausilio di un abbassamento in cartongesso. In questo modo si genera un effetto sorpresa sull’ambiente al quale ci si affaccia. Si passa così da uno spazio ad altezza ridotta a una stanza luminosa e con il soffitto molto alto.

Il soggiorno

abitazione a Varese: il soggiorno

L’ambiente molto ampio e dalla forma disarticolata è stato suddiviso in diverse zone dedicate rispettivamente al pranzo, alla conversazione e alla lettura.

abitazione a Varese: il soggiorno

Gli elementi di arredo selezionati sono stati scelti nel tentativo di realizzare una commistione tra uno stile moderno e minimale ed elementi dal sapore antico.

abitazione a Varese: il soggiorno i divani

abitazione a Varese: il soggiorno

La poltrona Frau dal singolare color corallo con il pouf abbinato, che la padrona di casa già possedeva, è stata ricollocata nell’angolo dedicato alla lettura.

abitazione a Varese: il soggiorno e lo scrittoio

Lo scrittoio e la credenza ottocentesca, in contrasto con gli arredi dalle linee moderne, si inseriscono in un ambiente in grado di accoglierli e valorizzarli.

abitazione a Varese: il soggiorno e la credenza

Il disimpegno

abitazione a Varese: il disimpegno

Il lungo corridoio dalle dimensioni ampie e irregolari che porta alle camere da letto è stato trasformato in “galleria dei libri”. Un controsoffitto è stato realizzato per poter inserire una serie di faretti ad angolazione regolabile e per ridimensionare l’altezza dello spazio. Inoltre, per dare una forma regolare a questo ambiente di transizione è stato posizionato un mobile contenitore e una libreria disegnati e realizzati su misura. In questo modo il disimpegno ha acquisito una nuova funzione e una nuova dignità.

Allestimenti temporanei per vendere casa: Home staging in italia

Chi ha detto che un allestimento serve solo per una mostra o per un evento o per esporre della merce in un negozio?

Quando si decide di mettere in vendita un immobile, spesso accade che i tempi in cui questo resta sul mercato diventino eccessivamente dilatati e ciò comporta inevitabilmente la riduzione del prezzo, a volte anche in una percentuale notevole. Allora perchè non applicare una strategia che prevede uno sforzo minimo per raggiungere il risultato desiderato: vendere casa in poco tempo?

allestimento home staging

L’HOME STAGING

L’allestimento temporaneo di un immobile – noto anche come home staging –  permette, infatti, di valorizzare le possibilità degli spazi e aiuta il potenziale acquirente a comprendere i vantaggi che lo spazio offre senza bisogno di sforzi immaginativi eccessivi. Studi di settore hanno dimostrato che quando un acquirente visita un immobile sono sufficienti dieci secondi a creare in lui una buona o una cattiva impressione. L’obiettivo dell’allestimento è quello di valorizzare i punti di forza di un immobile e di preparare l’ambiente all’appuntamento con il suo potenziale nuovo proprietario.

allestimento home staging

Il progetto di allestimento consiste nella riorganizzazione funzionale degli ambienti, nella ridisposizione degli arredi, nell’eliminazione di oggetti superflui, al fine di donare uno stile più neutro, fresco e una sobria eleganza alla casa.

Essendo un allestimento non prevede lavori di rifacimento o ristrutturazioni altrimenti non potrebbe definirsi home staging.

Un piccolo investimento, grandi vantaggi:

DI TEMPO
permette di vendere una proprietà in tempi più brevi e a condizioni più vantaggiose;

ECONOMICI
costa meno della riduzione di prezzo che l’immobile potrà subire rimanendo a lungo sul mercato;

COMMERCIALI
contribuisce a incrementare il numero dei potenziali acquirenti.

Per saperne di più scrivi a c.nicora@myhousemystyle.com

  • Se la pagina ti è piaciuta ed è risultata di tuo gradimento ti chiederei un piccolo favore: puoi inserire un link a questa pagina sulla tua bacheca facebook….grazie!